Le immagini digitali: cosa sono e come funzionano

Le fotocamere digitali fanno ormai parte della nostra vita, vale la pena quindi dedicare un post all’approfondimento del concetto di immagini digitali.

Quando una fotocamera digitale scatta una foto, la luce della scena fotografata cade su milioni di sensori elettronici microscopici. Filtri ugualmente piccoli separano la luce nei componenti rosso, verde e blu (da qui la definizione di RGB: Red, Green, Blue), esattamente come le cellule nella retina dell’occhio umano, e ogni sensore registra l’intensità di ciascuno dei tre colori in quella particolare posizione. Tutte queste informazioni sono convertite in numeri e salvate come file d’immagine digitale.

Come facilmente potete intuire, più dati (o pixel, che significa “picture element” ovvero elemento di immagine) ci sono nel file, più accuratamente l’immagine digitale riprodurrà la scena originale. Siccome ogni fotocamera cattura milioni di pixel, la capacità di cattura di dati è misurata in megapixel. Più megapixel un’immagine contiene, più potete ingrandirla senza che perda nitidezza.
Quando modificate un’immagine in Photoshop, spesso ne regolate la tonalità, o distribuzione delle aree chiare e scure. Photoshop possiede molti strumenti per aiutarvi a fare questo e molti di essi includono un istogramma che vi da una panoramica della tonalità dell’immagine. Un istogramma è un semplice grafico a barre che mostra quanti pixel un’immagine contiene per ciascun livello di luminosità.
La finestra di dialogo Livelli mostra un istogramma con i livelli di luminosità che vanno da 0 (nero puro) a sinistra, a 255 (bianco puro) a destra.

La finestra di dialogo Livelli

La palette Istogramma

Saper leggere un istogramma è molto utile per analizzare le immagini. Tenete presente però che Photoshop è qualcosa di più di uno strumento di analisi e descrizione, in quanto è progettato per aiutarvi anche a migliorare le vostre immagini; la tonalità delle immagini è modificabile proprio con i cursori che trovate sotto l’istogramma.
Tuttavia per poter monitorare i valori di luminosità della vostra immagine, non è necessario tenere aperta questa finestra (le modifiche dirette all’immagine comunque non sarebbero possibili), ma è sufficiente scegliere Finestra > Istogramma per aprire la palette “Istogramma”, dove trovate la riproduzione del solo istogramma.

Condividi quest'articolo:

Commenti



RESTA AGGIORNATO!

RICEVI LE ULTIME NOVITÀ DI PHOTOSHOP, FOTOGRAFIA E GRAFICA!